Quello che veramente importa

SaltoMentale » Smettere di "lavorare" » Quello che veramente importa

Ce lo abbiamo sempre sotto gli occhi, ma servono gli occhi giusti per vederlo.

Questa mattina mi sono alzato determinato. Pensavo a quanto tempo ho perso negli ultimi mesi, fra pannolini e ruttini che hanno sottratto tempo al mio prezioso lavoro. Neanche ho avuto tempo di scrivere sul blog. Ero seccato, o come dice mia moglie, ero stitico.

Mi lavo veloce. Colazione al volo, voglio mettere in cassaforte almeno 4 ore di lavoro prima di pranzo. Prima di sedermi al computer faccio una capatina al bagno. Mia moglie sta cambiando la bambina ma io ho fretta ed entro lo stesso così da non dovermi interrompere più tardi.

Lei è lì, col sederino al vento e guarda beata il vetro della doccia.

Ha lo sguardo rapito, un sorriso sdentato stampato in faccia e ride di gusto. Eh, sì, ride proprio! Ma che ha da ridere? È solo un vetro, neanche pulitissimo a causa sua che ci sta esaurendo le energie. E ride per sciocchezze mentre io ho fretta…

E mi sento uno scemo. Ma che ho in testa? Lei ha capito tutto! Ride davanti ad un vetro e gode dei riflessi della luce che entra dalla finestra. Oh, fuori c’è l’alba! Il cielo è rosa, arancione ed azzurro, striato di nuvole ed il contrasto con le nostre amate montagne è fantastico. Lei ride e fa quei piccoli versi acuti dei bambini, che bellezza.

Ma avevo fretta di cosa? Di andare a scrivere qualche articolo per creare contenuti? Di lavorare per portare qualche euro in un conto in banca già robusto quanto basta?

Rileggevo qualche notte fa Il Piccolo Principe. L’ho preso per leggerlo a mia figlia. A dire il vero glielo ho già letto, in parte. Rideva anche a quello, è tutto un ridere e sorridere e versetti di questi tempi. Comunque, dicevo, ho riletto il piccolo principe alle 3 di notte e c’è questo personaggio che il Piccolo Principe incontra durante i suoi viaggi: un uomo d’affari.

Il piccolo principe gli domanda cosa sta facendo e lui, preso dalla contabilità, gli risponde brusco: non ho tempo per queste sciocchezze da bambini. Lui deve fare la conta delle stelle che “possiede”, non può perdere tempo ad ammirarle. Che omino ridicolo, eppure siamo in tanti a comportarci così. Io mi comporto così, un criceto stitico che fa girare la sua importante ed urgente ruota.

Noi adulti abbiamo subito decenni d’indottrinamento: bisogna lavorare, anche quando il lavoro che facciamo non è utile; crediamo che i soldi possano comprare quello che ci manca, anche se quello che conta davvero è gratis o quasi; e cediamo alle pressioni sociali più disparate che ci fanno fare a gara a chi ha <nome di oggetto> più bello. Non riusciamo a goderci il sapore dei biscotti che compriamo, né il profumo della vacanza al mare che paghiamo né il gratuito calore del sole sulla pelle né il sudato abbraccio coi nostri figli.

Abbiamo in testa un sacco di preoccupazioni assurde. In un libro di Dale Carnegie (mi pare fosse questo) ho trovato una frase che mi è rimasta impressa, diceva pressapoco così: Noi persone sane di mente non siamo come gli schizofrenici. Quelli sono ossessionati da eventi che non sono mai successi. Noi, invece, lo siamo da eventi che non succederanno.

Per questo tanti di noi credono che sia meglio lasciar perdere i raggi di sole ed i sorrisi dei bambini per fatturare duro e costruirsi più sicurezze per il futuro. Un giusto sacrificio…

Non oggi. Oggi mi godo la presenza della mia famiglia e le luci del tramonto quindi questo articolo finisce qui.

Ecco un proposito per il 2022: fare spazio per ciò che conta davvero. Prima o poi moriremo e per allora sarà meglio avere in cassaforte un po’ di belle memorie: nessun conto in banca potrà comprarcene di decenti in quel momento.

Buon 2022.

Copertina di Mahmud Ahsan.


Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla newsletter!

Se ti è piaciuto proprio tanto, condivilo!

Se vuoi idee di prima mano, leggi più libri!
Se non hai soldi: vai in Biblioteca.
Se non hai tempo: sommari di Blinkist.
Se non hai voglia: audiolibri di Audible.
Non hai scuse, puoi provare tutti e tre gratis.

guest
3 Comments
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Roberto

Grazie per questo articolo. Mi rispecchia (purtroppo): mi sento proprio come un criceto che corre sulla sua ruota, dentro la sua gabbia. Purtroppo, siamo condizionati da un sistema che, senza rendercene conto, ci fa costruire la gabbia nella quale noi stessi ci rinchiudiamo.
Per paura.
E corriamo senza andare da nessuna parte.
Abbiamo perso di vista cos’è davvero importante…
Il tuo è un articolo su cui meditare…
Grazie ancora.

Riccardo

L’essenziale è invisibile agli occhi